Come raggiungere la valle del Bove sull’Etna

Per raggiungere la Valle del Bove, venendo dalla strada che va da Zafferana verso il rifugio Sapienza, il percorso più facile parte da Piano del Vescovo e sale verso la Serra del Salifizio per poi, oltrepassata la cima, imboccare una discesa costituita da un canalone parzialmente ricoperto di faggi.

Dopo circa sette chilometri, si lascia la macchina al Piano del Vescovo, località che si riconosce per la presenza di alcune costruzioni distrutte poste sul lato destro della strada, e s’imbocca il sentiero del Parco dell’Etna che per un tratto è in ombra, grazie ai numerosi faggi. Dopo circa una mezz’ora di camminata si incontra la Rocca degli Zappini, un antico cratere che ha come caratteristica una cascata di basalto che precipita per una cinquantina di metri verso il basso.

All’ombra di un maestoso faggio secolare si trova una sorgente di acqua che può servire a rinfrescarsi nel periodo autunnale e primaverile, non nei mesi estivi perché è asciutta.

Il sentiero prosegue su un terreno sempre più sabbioso e con presenze di arbusti di faggi, pulvini di astragalo e macchie di ginestre e arriva fino alla Serra del Salifizio, da qui si può già osservare dall’alto la Valle del Bove con le numerose colate e gli spettacolari dicchi.

Continuando a percorrere il sentiero bisogna spostarsi verso sinistra per poi attraversare un canalone che arriva dentro un bosco di faggi, percorrere questa discesa arrivando così fin dento la valle.

Questo tratto in inverno è pericoloso da percorrere in quanto può esserci presenza di neve ghiacciata e quindi è preferibile percorrerlo con i ramponi attaccati agli scarponi.

Una volta, da questo punto si poteva risalire verso ovest, in direzione dei ruderi del rifugio Menza, ma l’eruzione del 1991 ne ha cancellato ogni traccia.

Scopti i nostri trekking Etna sulla valle del Bove.

Leave a Reply

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.